Come aprire una pizzeria ambulante

DESCRIZIONE

Serve solo qualcuno che sappia fare una buona pizza, un forno ed un mezzo su ruote. Questo è tutto quello che occorre per avviare una pizzeria ambulante: un’attività redditizia, con investimenti relativamente bassi e che ha successo ovunque.
Il punto di partenza come sempre è il prodotto. Quindi la pizza, la buona pizza, quella napoletana. Il segreto secondo gli esperti sta tutto nell’impasto. Per aver un risultato soddisfacente bisogna usare farina 00, acqua fredda, sale e lievito a piccole dosi. L’impasto deve poi essere lasciato lievitare a temperatura ambiente, cosa che non fa mai nessuno.
Una volta perfezionata la ricetta si può pensare al forno. Procurarsi un buon forno, a legna (preferibilmente) o a gas, è semplice. Più difficile è trovare qualcuno che lo sappia installare. Generalmente, tuttavia, reperire un esperto nell’installazione di forni su mezzi mobili non è un’impresa impossibile, ma soltanto costosa. L’onere dell’operazione si aggira sui 15 mila euro.
Poi c’è il mezzo. Le possibilità sono diverse, anche a seconda del budget a disposizione. La più gettonata in questo periodo è quella di attrezzare un’Ape Piaggio. Il mezzo si presta bene alla vendita su strada. Ha un design accattivante e può essere personalizzato. Inoltre richiede un investimento abbastanza basso, intorno ai 20 mila euro. Alternativamente si può acquistare un furgoncino. Qui l’investimento è di circa 30 mila euro, cui bisogna aggiungere l’eventuale costo di un’impastatrice, di un frigorifero e di una bilancia.
Tutto qui? Sì, tutto qui. L’ultima cosa a cui pensare è la scelta della location, al variare della quale varierà anche la relativa burocrazia. Ma dove vendere? Al momento i trend dicono che Londra è una delle mete preferite per questo genere di attività. Lo street food qui è di casa, così come la pizza.
Per poter vedere su strada nella City è necessario registrarsi come lavoratore autonomo o società, chiedere la Food Business License nel Council dove si intende lavorare, e ottenere il Food Hygiene Rating, una sorta di licenza sanitaria, cui bisognerà poi aggiungere l’opportuna assicurazione per la responsabilità civile.

[divider]

BUROCRAZIA

[checklist]

Nel caso di avviamento dell’attività a Londra:

  • Registrazione come lavoratore autonomo o società
  • Richiesta della Food Business License
  • Richiesta della Food Hygiene Rating
  • Sottoscrizione dell’opportuna assicurazione per la responsabilità civile

[/checklist]

[divider]

INVESTIMENTI

Descrizione Costo
Veicolo 20.000 €
Forno e installazione  20.000 €
Attrezzature 5.000 €
Totale 45.000 €

 

2015-08-30T08:04:17+02:0030 Agosto 15|40.000-50.000 €, Food|