Come aprire una lavanderia self-service

 

DESCRIZIONE

È una realtà già affermata negli Stati Uniti dove se ne contano 30-40 mila, mentre nel nostro paese è un business ancora poco sviluppato. Stiamo parlando delle lavanderie self-service.

Un’idea che piace perché richiede un investimento iniziale relativamente ridotto, ma promette ritorni molto stabili. Un punto vendita di 50 mq necessita di circa 60-70 mila euro, metà dei quali vanno in arredo ed impianti, l’altra metà nell’acquisto delle macchine. Il costo totale di gestione è di circa il 30%, tra energia, affitto ed altre piccole spese, mentre quello del personale è minimo perché basta avere la vigilanza. Non ci sono altri dipendenti coinvolti.

Quest’attività non richiede nessuna competenza specifica ed è in grado di attrarre un grande pubblico, soprattutto studenti ed immigrati, che non possono permettersi di spendere cifre importanti nelle costose tintorie. I rendimenti? Ipotizzando di avere a disposizione sei lavatrici e sei asciugatrici, si parla di 150-200 euro di incassi al giorno. Di media, perché chiaramente è un’attività stagionale e d’inverno si lavora di più. Spalmando queste cifre su tutto l’anno, si parla di 70-80 mila euro di incassi annui. Un quinquennio è quindi il tempo richiesto per andare a break-even e recuperare l’investimento iniziale.

[divider]

BUROCRAZIA

[checklist]

  • Iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di Commercio
  • Apertura della Partita IVA e del Conto Fiscale
  • Inps e Inail
  • Agibilità del locale mediante richiesta al Comune
  • Dichiarazione al Comune per la sorvegliabilità dei locali

[/checklist]

[divider]

INVESTIMENTI

Descrizione Costo
Arredo e impianti  35.000 €
Macchine  35.000 €
Totale 70.000 €

 

2014-02-08T10:55:53+02:008 Novembre 13|50.000-75.000 €, Senza categoria, Services|